Lazio: Dichiarazione di Roberto Cellini (Fillea Cgil Roma e Lazio) sui dati CRESME sul settore delle costruzioni

Questo Comunicato è stato letto 943 volte!

Roberto Cellini

Lazio: Dichiarazione di Roberto Cellini (Fillea Cgil Roma e Lazio) sui dati CRESME sul settore delle costruzioni

Ancora uno studio CRESME di analisi sulla crisi del settore delle costruzioni, numeri simili se non identici a quelli presentati pochi giorni fa dallo stesso Cresme ad una conferenza della CNA.

Numeri dove tutti gli indicatori dimostrano o confermano una situazione drammatica e dove tutti sono impegnati a trovare soluzioni che non arrivano mai.

Noi siamo impegnati a scavare dentro ai numeri perché rappresentiamo persone e lavoratori, lavoratori diventati esuberi che la crisi ha reso poveri.

La crisi che sta fuori i cantieri e quella che ha sfondato dentro i cantieri.

La prima rappresentata dalla fatica del vivere di sostenere una famiglia, di dare dignità ai propri figli di offrirgli un futuro diverso, di chi esce al mattino di casa per trovare una giornata di lavoro o semplicemente qualche ora di lavoro regolarmente a nero.

La seconda quella dentro i cantieri fatta di lavoratori irregolari, di mancanza di rispetto di regole contratti e leggi, di infortuni gravi e mai denunciati, di imprese che durano il tempo di un appalto e spariscono, di tanti lavoratori autonomi che non sanno neanche di essere possessori di una partita IVA.

Questa è per noi la crisi, questa è la situazione dell’edilizia a Roma questo è quella dal volto umano, oltre i numeri statistici, oltre le promesse false o ipocrite o gli annunci propagandistici.

 

Roma, 16 marzo 2012


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*