Roma, Metro C: importante vittoria della Fillea Cgil a tutela di una delegata licenziata il giorno dopo la nomina sindacale

Questo Comunicato è stato letto 951 volte!

Roma, Metro C: importante vittoria della Fillea Cgil a tutela di una delegata licenziata il giorno dopo la nomina sindacale

La delegata sindacale della FILLEA CGIL presso l’azienda EDIL MAR 2006 impegnata nei lavori di realizzazione della stazione GROTTE CELONI della METRO C di Roma, è stata licenziata il 10 novembre 2010, proprio all’indomani della sua nomina a Rappresentante Sindacale.

Il tribunale del lavoro con sentenza n. 2173 del giorno 08.02.2012 del Tribunale di Roma ha stabilito la nullità di tale licenziamento e condannato l’azienda al reintegro nel suo posto di lavoro della lavoratrice e al pagamento delle retribuzioni dal giorno del licenziamento sino al suo effettivo rientro al lavoro.

 “Un’importante vittoria per il sindacato ed in particolare per la FILLEA CGIL, la sentenza ha deciso l’applicabilità dell’articolo 18 dello statuto dei lavoratori per il licenziamento illegittimo di una nostra delegata sindacale”. Queste sono le dichiarazioni del segretario della FILLEA CGIL di Roma e Lazio, Roberto Cellini, che continua: “La sentenza dà soddisfazione a quanto sostenuto da noi in occasione del licenziamento della compagna Anna Lorena Fantini. Licenziamento avvenuto 24 ore dopo la sua nomina a rappresentante sindacale.

Oggi, con il caso di Lorena, si dimostra con forza e chiarezza la fondamentale l’importanza dell’articolo 18: non un costoso privilegio, ma una norma di civiltà che difende i lavoratori e le lavoratrici dalle discriminazione e dagli abusi, baluardo della dignità di chi lavora e della libertà sindacale nei posti di lavoro”.

Roma, 14 febbraio 2012

Allegato da scaricare: la sentenza in pdf al link –>

http://www.puntoacapo-international.com/downloads?dl_cat=3

Info per la Stampa: Roberto Cellini, cell. 348 3417922


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*