Montecompatri: operaio di 58 anni morto folgorato da 20 mila volt in un cantiere edile. Lombardo, Fillea: “Una morte che si poteva e si doveva evitare!”

Questo Comunicato è stato letto 1394 volte!

Montecompatri: operaio di 58 anni morto folgorato da 20 mila volt in un cantiere edile.

Lombardo, Fillea: “Una morte che si poteva e si doveva evitare!”
Alfredo Marcellini, 58 anni, è morto ieri folgorato da 20.000 volts in un cantiere edile di Montecompatri.
Un’altra morte bianca che si poteva evitare e che il Segretario della Fillea-Cgil Pomezia-Castelli, Gianni Lombardo, non esita a definire ‘assurda’: “Bastava rispettare alcune minime regole di sicurezza per far continuare a vivere Alfredo e invece, come succede sempre più spesso, la salute e la vita degli operai non è stata valutata come degna di attenzione. Mi chiedo dove erano il direttore dei lavori ed il responsabile della sicurezza, ma soprattutto mi chiedo: possibile che chi aveva redatto il piano operativo di sicurezza non abbia visto l’alta tensione?”
“Vorremmo sapere” continua Lombardo “se questi professionisti della sicurezza lo avevano visto il cantiere o avevano fatto come al solito il copia e incolla di un altro POS, cambiando semplicemente l’indirizzo. Inoltre, il titolare dell’impresa, che è il maggiore responsabile, quel piano di sicurezza lo aveva letto?
Questa morte si doveva e poteva evitare. Chi ha sbagliato, spero ne paghi le conseguenze”.
Montecompatri, 10 febbraio 2012
Info per la Stampa: Gianni Lombardo cell. 348 6533567

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*