Pomezia, Mesturini (Pd): Basta inutili polemiche sul futuro dei lavoratori precari del Comune

Questo Comunicato è stato letto 871 volte!

Pomezia, Mesturini (Pd): Basta inutili polemiche sul futuro dei lavoratori precari del Comune

Dopo le numerose polemiche riguardanti il futuro dei lavoratori a tempo determinato del Comune di Pomezia, tornate alla ribalta dopo la riunione tenutasi tra le organizzazioni sindacali territoriali e una rappresentanza dell’amministrazione comunale nella figura del dir. gen. Dott. Gerosa, che ha visto una dichiarazione stampa proprio del dir. Generale dell’Ente in risposta alle sigle di CGIL e UIL riguardo il diniego da parte delle OO.SS. di accettare la proposta presentata loro, interviene Marco Mesturini (PD) ex Pres. Consiglio Comunale.

“Credo che ancora una volta ci troviamo ad affrontare polemiche che nascono e si alimentano grazie ad una mancata corrispondenza fra quello che come amministrazione comunale si intende fare e quello che viene messo in atto dalle figure tecniche e dirigenziali interessate. Trovo naturale e giusto che una organizzazione sindacale come la CGIL si interessi di dare a tutti i lavoratori a tempo determinato presso il nostro comune una risposta riguardo il loro futuro lavorativo e non accetti proposte che prevedano solo per alcuni risposte certe e diano incertezza a tutti gli altri.

Suona veramente singolare che il direttore generale del nostro Comune dichiari sulla stampa locale le proprie valutazioni e critiche ad alcune OO.SS. come la CGIL e la UIL come se ricoprisse un ruolo di portavoce dell’Amministrazione o addirittura una responsabilità politica come ad esempio un incarico da assessore.

Ancora una volta, come Amministrazione De Fusco, paghiamo il prezzo di una situazione presente nella nostra macchina amministrativa ed in particolar modo nei livelli dirigenziali ereditata dal passato. La volontà dell’Amministrazione è quella di dare a tutti i lavoratori uguali possibilità cercando di non disperdere quel patrimonio rappresentato dall’esperienza e dalle capacità presenti nei lavoratori a tempo determinato, definizione più giusta rispetto a quella di “precari”, in servizio presso il nostro comune.

Come è possibile che in una riunione, come quella avvenuta nei giorni scorsi, si presenti una proposta che ad esempio non menzioni i lavoratori in servizio presso la Polizia Municipale e che presenti per tutti i lavoratori, esclusi i presunti titolari di possibile stabilizzazione, una mancanza di garanzie e prospettive per il loro futuro?

Trovo veramente assurdo tutto ciò soprattutto perché come Amministrazione De Fusco abbiamo sempre combattuto il lavoro precario e cercato di dare risposte concrete in merito, ad esempio, la stabilizzazione delle insegnanti. Credo sia necessario, e mi impegnerò subito in tal senso, che il sindaco De Fusco si occupi direttamente di questa situazione per evitare ulteriore confusione e travisamenti. Penso che al più presto sia utile un incontro con il segretario della CdLT CGIL proprio per chiarire una polemica figlia di fraintendimenti e posizioni di singoli esponenti politici, non certo dell’amministrazione nel suo insieme.

Serve costruire una proposta complessiva che individui percorsi chiari per tutti i lavoratori, siano essi amministrativi che agenti municipale che tecnici, utile a dare una prospettiva di lavoro certa ricordando che senza questi lavoratori non si potrebbe continuare a dare servizi e risposte necessari ai nostri concittadini”.

 

Pomezia, 6 aprile 2011

 

Per info: Marco Mesturini 3346635043

 

 

 

 

Servizio esterno Ufficio Stampa Punto a Capo

Francesca Marrucci

ufficiostampa@puntoacapo.info

www.puntoacapo-international.com

Tel. 0695557480 – 3333876830

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*