Marino, Girotti (Costruiamo il Decentramento): “Riportare l’attenzione sulle piccole frazioni di Marino, Castelluccia, Due Santi e Fontana Sala, e ascoltare i cittadini. La politica riparta da questo.”

Gabriele Girotti
Gabriele Girotti

Marino, Girotti (Costruiamo il Decentramento): “Riportare l’attenzione sulle piccole frazioni di Marino, Castelluccia, Due Santi e Fontana Sala, e ascoltare i cittadini. La politica riparta da questo.”

         “Ho accettato la proposta di Stefano Cecchi di candidarmi perché credo che Marino abbia bisogno che ognuno di noi si adoperi per renderla migliore”. Queste le motivazioni che hanno spinto ad accettare la sua prima candidatura come Consigliere Comunale nella lista ‘Costruiamo il Decentramento’ a sostegno di Stefano Cecchi, Gabriele Girotti.

         Ingegnere specializzato, da anni vive a Castelluccia e conosce bene i problemi della frazione. “Per anni siamo stati dimenticati da tutte le amministrazioni, l’unico che ci ha ascoltato ed aiutato è stato Stefano Cecchi e questo non lo dimentichiamo. Qui mancano le strade asfaltate, i marciapiedi e l’illuminazione pubblica. Metto a disposizione la mia persona e le mie competenze umane e professionali per dare voce a questa parte del territorio troppo spesso inascoltata.

         Abbiamo bisogno di strade più sicure, passaggi pedonali e semafori, parchi ed aree verdi in cui far giocare i bambini. Anche la gestione dei rifiuti in queste zone deve essere rivista, non solo perché è inadeguata alle esigenze dei cittadini, ma anche perché una gestione più oculata ed organizzata non può che far bene per le tasche di tutti noi.

         Appoggio Stefano perché la sua è una forte passione e non avrebbe avuto necessità di vivere attraverso la politica per vivere, ha una sua attività ed è un piccolo imprenditore conosciuto nella zona. Penso che la politica dovrebbe essere fatta da persone che non abbiano interessi nascosti, mentre troppi arrivano a vendersi anche l’anima. Vengo da genitori operai e ne sono orgoglioso, lavoro dalle 10 alle 14 ore al giorno e mi divido tra progettazione ricerca e sviluppo nella vita lavorativa in azienda ed insegnamento alle scuole superiori, dove formo i ragazzi futuri tecnici o ingegneri meccanici.

         La politica dovrebbe essere questo: mettere le proprie competenze e professionalità al servizio della comunità per far crescere tutti e io mi metto in gioco, con un occhio di riguardo a quanto conosco e vivo in prima persona, quindi dico: ripartiamo dalle zone trascurate, ripartiamo dall’ascolto della gente.

         Come cittadino mi sono sentito spesso abbandonato ed ignorato dalle istituzioni e dai politici, eccezion fatta per Stefano Cecchi. Ecco, io vorrei far sì che tutti i cittadini avessero una voce e che le decisioni in politica si prendessero partendo dai loro bisogni e dalle loro segnalazioni. La politica dovrebbe servire a questo: a risolvere i problemi e io vorrei mettermi a disposizione per portare dei cambiamenti concreti cominciando da chi è sempre venuto per ultimo.”

Marino, 30 maggio 2016

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.