PD LAZIO, GUGLIELMO: “GIOCHI DI CORRENTE E NESSUNA INIZIATIVA. CHIEDIAMO LE DIMISSIONI DEL SEGRETARIO MELILLI”

Marco Guglielmo
Marco Guglielmo

PD LAZIO, GUGLIELMO: “GIOCHI DI CORRENTE E NESSUNA INIZIATIVA. CHIEDIAMO LE DIMISSIONI DEL SEGRETARIO MELILLI”

Dalla illegittima elezione della prima Presidenza al caos sulle liste per la Città metropolitana, dal disastro politico sulle elezioni provinciali di Frosinone e Latina all’azzeramento della segreteria a ottobre: il Pd Lazio è stato questo negli ultimi mesi; polemiche autoreferenziali senza nessuna iniziativa politica. – Lo dichiara Marco Guglielmo, già candidato alla segreteria del Partito-.
Avevamo richiesto che si convocasse con urgenza un’Assemblea regionale; la richiesta era stata accolta, ma poi l’assemblea è stata rinviata a data da destinarsi, per permettere al Vicesegretario nazionale Guerini di partecipare.
Sembra però, che nel mentre il vicesegretario Guerini abbia trovato il tempo di organizzare una riunione di quelle “vecchio stile”, a cui sarebbero stati invitati un nugolo di “capicorrente”.
E’ questa la nuova politica a cui si ispira la Segreteria nazionale? A noi sembra la solita vecchissima storia: dibattito nel merito pressoché nullo, responsabilità quando si commettono errori non pervenute.
Sarà una riunione di “caminetto” tra qualche capobastone a dare nuova vita al Pd Lazio? E’ legittimo chiedere su quali dannati principi politici si costruiscono e smontano, restringono e allargano, i confini della maggioranza nel Pd Lazio?
Eppure ce ne sarebbero, di argomenti. Vorremmo un confronto sul Piano casa da poco (ri)approvato in Regione, un dibattito sul piano sanitario; vorremmo capire quali sono le posizioni del Partito sui trasporti e sui rifiuti.
Vorremmo risposte sulla nostra richiesta di iniziativa per un tesseramento pulito, sugli strumenti di partecipazione per iscritti e elettori; vorremmo capire quando si apre la discussione per una legge elettorale regionale che permetta la pari rappresentanza di genere.
E ancora, vorremmo capire cosa ne pensano i nostri elettori sul jobs act, sullo “sblocca Italia”, sulle riforme costituzionali, ad esempio organizzando dei referendum aperti al popolo delle primarie.
Ma, ahinoi, ne sono successe troppe, e tutte uguali, per sperare che con questa direzione ci sia una qualunque risposta a queste richieste.
Per questo chiediamo al Segretario Melilli di dimettersi, per aprire un nuovo Congresso per il Pd Lazio, con primarie aperte, in un tempo suffciente a permettere una discussione ampia e profonda con i nostri iscritti ed elettori.
Vogliamo presto, prestissimo, un’assemblea per discuterne; perché il mondo attorno a noi corre, e siamo sinceramente stanchi di stare a guardare questo risiko insopportabile di una politica che pensa e parla solo a sé stessa.

Roma, 12 novembre 2014

Info: Marco Guglielmo 338 4032517

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.