Pomezia, Mesturini e Barbieri (Pd) sulle dichiarazioni del capogruppo Mirimich: sono personali e non condivise con il gruppo PD!

Questo Comunicato è stato letto 1007 volte!

Pomezia, Mesturini e Barbieri (Pd) sulle dichiarazioni del capogruppo Mirimich: sono personali e non condivise con il gruppo PD!

I sottoscritti consigliere comunali Marco Mesturini ed Antonio Barbieri, dopo l’intervista del consigliere comunale Fabio Mirimich in qualità di Capogruppo del PD di Pomezia apparsa sul Corriere della città di Pomezia, ritengono necessario e doveroso intervenire per chiarire alcuni aspetti che riteniamo fondamentali.

Prima di tutto chiariamo che le dichiarazioni contenute nell’intervista sono espressione di opinioni personali e non rispecchiano assolutamente la posizione del gruppo consiliare del PD, in quanto gli argomenti trattati non sono mai stati oggetto di discussione e confronto all’interno del gruppo consiliare che fra l’altro non si riunisce ormai da lungo tempo.

Il consigliere Mirimich dovrebbe ricordare che il ruolo di Capogruppo consiliare richiede, prima di rilasciare dichiarazioni in merito alle scelte che l’Amministrazione intenda prendere, doveroso condividerle con, appunto, almeno i consiglieri comunali del suo  gruppo.

Troviamo singolare ed estremamente grave in merito alla situazione finanziaria dell’Ente che il consigliere Mirimich dichiari di essere disposto a votare un provvedimento di dissesto finanziario, come se tale ipotesi fosse una di quelle possibili nell’immediato futuro dimenticandosi che un provvedimento di questo tipo non va certo verso gli interessi dei cittadini, soprattutto di quelli che appartengono alle fasce sociali più deboli, visto che di fatto si avrebbe un taglio dei servizi ed un aumento delle tariffe e delle imposte comunali. Soprattutto troviamo assurdo che il consigliere Mirimich, oltre ad essere il capogruppo del partito di maggioranza relativa, che, per di più, è il partito che esprime il Sindaco, e ricopre anche il ruolo di presidente della commissione consiliare Bilancio, parli di un’ipotesi simile senza che fino ad oggi sia stata fatta in merito alcun accenno non alla maggioranza ma neanche ai consiglieri del proprio partito. Ricordiamo al consigliere Mirimich che come presidente della commissione consiliare Bilancio ha in merito alla situazione finanziaria dell’Ente una responsabilità non secondaria e far aleggiare, anche solo come ipotesi, determinate situazioni genera di fatto un profondo senso di allarme e preoccupazione che certamente non aiuta l’azione dell’amministrazione.

Visto che il consigliere Mirimich parla spesso di scelte fatte in passato che lui non avrebbe preso,vorremmo sapere in concreto quali proposte o idee abbia messo in campo; evitando  come spesso accade, di presentarsi con dichiarazioni sulla stampa come se fosse un consigliere alle prime armi e non avesse mai ricoperto ruoli importanti all’interno dell’Amministrazione. Siamo convinti che sia ora di finirla con atteggiamenti che appartengono al sistema del predicare bene e razzolare male.

Inoltre affermare all’interno della suddetta intervista che non abbia avuto la possibilità di visionare in maniera accurata gli atti inerenti i piani integrati approvati o gli atti inerenti alla variante del P.R.G. è un atto estremamente grave che rischia di alimentare un’immagine di poca trasparenza e che sinceramente troviamo incredibile visto che il consigliere Mirimich che, fra l’altro ricorda di essere un architetto quindi un tecnico del settore, sa benissimo come si richiede la visione dei suddetti atti e soprattutto viene da domandarsi come mai in passato sia intervenuto sulla stampa ed abbia addirittura richiesto a tale riguardo la convocazione di riunioni di partito per esprimere le sue perplessità ed i suoi dubbi se, come affermato, non avesse prima visionato gli atti in questione?

Ricordiamo al consigliere Mirimich che durante la scorsa Amministrazione  De Fusco non è stato un semplice spettatore ma ha ricoperto per diverso tempo l’incarico di assessore. Troviamo quindi singolare che proprio chi abbia avuto delle responsabilità nell’azione di governo  si presenti invece oggi come una persona che non abbia nulla a che spartire con le scelte amministrative di governo della città. Chiederemo al più presto una riunione del gruppo consiliare per affrontare le problematiche emerse, sperando che prevalga da parte di tutti il senso di responsabilità e che si possa arrivare a decisioni utili a supportare in maniera più incisiva l’azione dell’amministrazione comunale.

 

POMEZIA, 11 SETTEMBRE 2012


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*