Pomezia: i sindacati chiedono la convocazione di un tavolo presso la Prefettura e al Ministero per i lavoratori della Di.Ma Costruzioni

Questo Comunicato è stato letto 1043 volte!

Pomezia: i sindacati chiedono la convocazione di un tavolo presso la Prefettura e al Ministero per i lavoratori della Di.Ma Costruzioni



Un tavolo presso la Prefettura per fare chiarezza sullo stato di crisi della Di.Ma Costruzioni di Pomezia che da dicembre non paga gli stipendi di 130 lavoratori edili e non effettua i relativi versamenti in Cassa Edile.

Questa la richiesta avanzata dai sindacati territoriali di categoria Feneal Uil, Filca Cisl, Fillea Cgil al termine della lunga manifestazione svoltasi questa mattina a Pomezia.

La richiesta ha incontrato il favore del sindaco della città, Enrico De Fusco, intervenuto alla manifestazione, che ha deciso di appoggiare l’istanza.

I sindacati hanno inoltre richiesto un tavolo presso il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali per avviare la procedura di cassa integrazione straordinaria per i lavoratori coinvolti. La ditta gestisce infatti cantieri non soltanto nel Lazio ma anche nel resto d’Italia.

Questa mattina, fin dalle ore 6.30, lavoratori e sindacati hanno bloccato il cantiere sito presso il Parco della Minerva a Pomezia. Successivamente Il presidio si è spostato davanti ai cancelli della sede dell’azienda, in via Campobello.

Durante la protesta non sono mancati purtroppo momenti di tensione. Sei lavoratori si sono arrampicati sulle gru in segno di protesta, ma la situazione è stata riportata alla normalità.

“La gran parte dei lavoratori che non percepiscono lo stipendio da mesi è costituta da stranieri. Come sempre si tende a scaricare il prezzo delle crisi aziendali sulle fasce più deboli. Questa situazione è inaccettabile, Prefettura e Ministero convochino i rispettivi tavoli il più rapidamente possibile. Tra i lavoratori c’è grande sconforto e rabbia. Non si indugi sulla disperazione di famiglie condannate ad una quotidianità insostenibile” – Feneal Uil, Filca Cisl, Fillea Cgil.

Roma, 22 febbraio 2011

Per info: Fillea Cgil Rino Aversa 3470434900, Gianni Lombardo 3486533567; Filca Cisl Francesco Rossi 3355963301; Feneal Uil Julian Manta 3487303736

Ufficio Stampa Fillea Cgil Roma e Lazio

Per le altre sigle sindacali

Francesca Marrucci

3333876830 – 0695557480


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*